METTETE UN CAFFE’ IN CUCINA!

Raggi di Sole,

oggi vi invito nella mia cucina…per un caffè!

Il caffè è convivialità, piacere, rito. Una tazza di caffè è risveglio al mattino, appuntamento al bar con gli amici, abitudine del dopo pranzo…

Espresso, lungo o macchiato, bollente o freddo d’estate, a qualsiasi ora del giorno, per noi il caffè è la bevanda per eccellenza. Il gusto forte della vita!

Se, però ci soffermiamo un attimo a pensare al sapore del caffè, ci rendiamo conto che ha anche potenzialità in cucina, come abbinamento di piatti dolci e salati. Quindi vediamone il suo utilizzo per esaltare le sue proprietà organolettiche regalando ai piatti piacevoli note di tostatura.

Non è solo una semplice tazzina ma è un ottimo ingrediente in cucina che viene utilizzato perlopiù nella preparazione di dessert e creme ma è in grado di impreziosire anche il sapore dei piatti salati.

Se lo accostiamo con la carne alla griglia, esalta la marinatura e valorizza le salse. L’ aggiunta del caffè aiuta a caramellare la superficie e racchiude il sapore della carne.

Ma è meglio un caffè in chicchi o in tazza? Beh dipende. Dipende da ciò che vogliamo cucinare; in realtà l’aroma forte del caffè deve sempre essere impiegato con alimenti dal sapore altrettanto forte in modo da non coprirli. I chicchi macinati di solito vengono spesso utilizzati nelle panature o nelle marinature, generalmente in quelle ricette che prevedono una cottura abbastanza lunga.

Un’altra cosa importante del caffè è il grado di tostatura, quella più leggera conferirà un gusto più acido e quindi particolarmente adatto a preparazioni ricche di grasso e condimento, come secondi a base di carne di maiale; una tostatura più forte invece è più indicata con la selvaggina e i volatili.

Il caffè può essere utilizzato sia come spezia per marinature secche sia come salsa per intingere ed accompagnare la carne cotta. La ricetta che sfrutta al massimo le proprietà del caffè è l’arrosto di maiale cotto in una salsa a base di caffè, senape, limone e zucchero.

Se invece vogliamo marinare delle costate possiamo preparare la marinatura di caffè solubile, sale, aglio essiccato, coriandolo, pepe e cacao in polvere: può essere indicata anche per filetti di pollo o maiale.

Il pesce si sposa bene con l’aroma del caffè tostato. In questo caso occorre preparare una marinatura fortemente speziata per esaltare appieno i sapori ed è indicata per pesci come tonno e salmone. Il tonno va marinato con caffè solubile aggiungendo l’anice stellato mentre il salmone è ottimo impanato con un mix di caffè, peperoncino, zucchero e cumino.

Il caffè è squisito anche con i legumi. Il caffè con il suo aroma può essere accostato a zuppe, per esempio ¼ di caffè solubile per ogni tazza di brodo e con abbinamento i fagioli.

Per il dessert il trionfo del caffè è assicurato. Qui il caffè primeggia in svariate ricette di dolci come tiramisù, creme e mousse al caffè. In questo caso ci si può sbizzarrire a sperimentare degli abbinamenti insoliti di caffè con spezie come cardamomo, noce moscata, chiodi di garofano, cannella.

In commercio esistono diverse tostature di caffè che consentono di avere dei sapori differenti, infatti su un chicco di caffè tostato ne diversificano più di 800 aromi.

E ancora?

Caffè e arancia per un piatto salato nella versione dell’anatra all’ arancia.

Caffè e avocado nella cucina occidentale per preparare una bevanda.

Caffè e cannella (la cannella lo addolcisce).

Caffè e cardamomo per un risultato più intenso.

Caffè e formaggio di capra con una spolverata di caffè.

Mettete un caffè in cucina e ne usciranno combinazioni dolci e salate con molto profumo, molto carattere, molto gusto!  

Avete provato il caffè in ricette particolari? Fatemi sapere con un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Sabina Martorana © Copyright 2020
Design cotto con il da #FC1492
Close